Streaming
Downloads
Forum
Contenuto Sito
Newsfeeds
Tags
Pagine
Comunità
Iscrizioni Campionati
Messaggi Privati
Penalità
Risultati Gare
Accedi

Registrati

DTM, Il Fast & Aged fa poker al Lausitzring

Gianluca Rosi ha vinto la gara di apertura a Hockenheim beffando tutti con una strategia a zero fermate che poi è diventata la norma, e a Zolder Cesare Penco ha ottenuto uno splendido 2° posto sfruttando un errore di Massimo Masetti nei primi giri. In questo terzo appuntamento del campionato DTM invece non c'è stato nessuno in grado di mettere i bastoni fra le ruote all'armata del Fast & Aged, che ha monopolizzato le prime tre posizioni sulla griglia di partenza e addirittura le prime quattro sotto la bandiera a scacchi, grazie anche alla partecipazione (la prima in questo campionato) di Emanuele Petri, simdriver fra i più forti in assoluto a livello nazionale che dopo aver vinto tre gare ad inizio stagione nel campionato GT1 recentemente sembra che abbia iniziato una sorta di "tour" prendendo parte a gare singole di campionati diversi: dopo l'apparizione nella gara di apertura della Mazda MX-5 Cup, conclusa al 13° posto dopo essere partito dal fondo per aver saltato le qualifiche, eccolo fare la sua apparizione anche nel campionato DTM, dove ha chiarito sin da subito si fare dannatamente sul serio stavolta.

Per lui non solo la vittoria e la pole, ma anche il giro più veloce in gara e tutti i giri in testa, a suggellare un grand chelem che mette quasi in secondo piano la lotta per il titolo, anzi pensandoci bene si potrebbe quasi dire che Petri vincendo e arrivando davanti al compagno di squadra Samuele Ferrari in realtà abbia fatto un favore a Gianluca Rosi, togliendo 5 punti al compagno di squadra e leader del campionato.

A dire la verità il campionato sembra comunque saldamente nelle mani di Ferrari, che ha sempre dimostrato di avere un vantaggio prestazionale non enorme ma comunque molto costante sia sul compagno di squadra Massimo Masetti che sull'avversario Gianluca Rosi, che nella prima gara si è giocato con successo il jolly della strategia a zero soste ma ora che come era prevedibile questa strategia è stata adottata da tutti sembra non avere più frecce al proprio arco, e anzi sembra che più che guardare a Ferrari davanti a lui debba guardarsi da Masetti che gli è dietro di soli due punti e ha già messo la freccia per superarlo nella prossima gara.

La differenza fra Masetti e Rosi in qualifica è stata di soli 3 millesimi, ma è sulla distanza di gara che l'alfiere del Fast & Aged sembra avere una certa superiorità, in quanto a Zolder lo ha distanziato di quasi 8" nonostante un errore nei primi giri, e qui al Lausitzring il gap è salito a 9". Molto più equilibrio invece alle spalle dei primi tre in campionato, col quarto posto in classifica generale che è momentaneamente occupato da Matteo Sorgiacomo nonostante in gara non sia mai andato oltre il 7° posto, mentre nella classifica riservata ai team manco a dirlo il Fast & Aged ha un vantaggio enorme su tutti, tanto da avere già quasi il doppio dei punti del Drive-in Autosport 3° in graduatoria, mentre la seconda posizione è attualmente occupata dallo Strato Racing, con uno svantaggio ormai incolmabile dal Fast & Aged ma con un margine che sta via via crescendo sul Drive-in Autosport, i cui piloti dopo un'ottima gara di apertura paiono aver perso parecchio feeling con la macchina, e fanno fatica anche a vedere la top ten.

In qualifica una bella tripletta Fast & Aged, con Emanuele Petri in pole alla prima apparizione in questo campionato con un margine di un decimo e mezzo su Samuele Ferrari, che a sua volta ha staccato Massimo Masetti di altri due decimi. Gianluca Rosi ha impedito al Fast & Aged di fare addirittura quaterna qualificandosi in quarta posizione a soli tre millesimi da Masetti ma precedendo di oltre due decimi Alex Tarantino, dietro al quale c'è un pò il vuoto: le velocissime vetture del DTM, definite da molti come delle "monoposto con ruote coperte" per quanto siano veloci, reattive e scorbutiche quasi quanto le monoposto, si stanno dimostrando molto difficili da portare al limite, e una pista difficile e probabilmente sconosciuta a molti simdrivers come il Lausitzring ha contribuito ad aumentare il divario fra i top drivers e il resto della griglia, tanto che solamente 8 piloti sono riusciti a qualificarsi a meno di 1" del poleman, contro i 13 e gli 11 delle due gare precedenti. Alle spalle di un Marco Panero che ad ogni gara appare sempre più solido e concreto, è degno di nota il settimo posto di un ottimo Andrea Cugnata, pilota privato al suo debutto su Esportseries.

Allo start tutto invariato nelle prime tre posizioni, mentre Alex Tarantino si è subito preso il 4° posto superando Gianluca Rosi e gettando le basi per quella che sarà una quaterna quasi incontrastata del Fast & Aged. Non impeccabile anche la partenza di Marco Panero, sceso in ottava posizione dopo essere stato superato da Cugnata e Sorgiacomo, mentre nelle retrovie non sono mancate un pò di sane sportellate che in gare con auto a ruote coperte ci possono stare, anche perchè nessuna di queste sportellate si è tradotta in qualcosa di grave.

La prima parte di gara è stata estremamente tattica, con i piloti intenti a studiarsi a vicenda senza prendersi rischi, per cui una volta che si sono placate le lotte a centro gruppo non si sono registrati grossi cambiamenti di posizione per parecchi minuti, fino a quando la gara si è animata di colpo, prima con un contatto che ha spedito Urso e Gagliardini nella ghiaia e poi qualche secondo dopo con un incredibile incidente fratricida in seno al Fast & Aged fra Caroti e Vallenari, che mentre erano in lotta per il 10° posto sono venuti pesantemente a contatto in curva 1 con Vallenari sceso in undicesima posizione e Caroti addirittura in sedicesima; fra i due deve esserci stato una sorta di equivoco, perchè Caroti all'interno aveva frenato molto prima di Vallenari, che probabilmente ha pensato che il compagno di squadra volesse farlo passare, così ha impostato la curva come se fosse da solo tagliando la traiettoria al compagno che a quel punto non ha potuto fare nulla per evitare l'incidente.

Diego Vallenari ha subito provato a recuperare, e nei minuti successivi ha dato vita ad un duello molto intenso con Luca Rosmarino per il 10° posto, e fra i due non è mancata qualche sportellata, ma dopo pochi minuti di lotta è stato nuovamente tradito dalla curva1, quando si è intraversato appena dopo aver subito il sorpasso dal pilota del Mennato Boffa Simracing ed è stato centrato in pieno da Federico Oberto Tarena che se lo è trovato davanti di colpo e non ha potuto fare nulla per evitarlo. L'incidente ha fatto sprofondare Vallenari in diciassettesima posizioni, e poco dopo il pilota del Fast & Aged si è ritirato dalla gara.

A poco più di 30 minuti dalla bandiera a scacchi Massimo Masetti ha raggiunto Samuele Ferrari e sembrava che da un momento all'altro fra i due avrebbero potuto esserci scintille, ma la pista del Lausitzring non consente sorpassi sicuri in assenza di errori del pilota davanti, e considerato il brutto incidente che c'era stato poco prima fra altri due piloti del Fast & Aged, Masetti  ha deciso di non prendersi rischi e restare dietro al compagno, anche se il fatto che gli sia sempre rimasto vicinissimo fino alla bandiera a scacchi suggerisce che forse ne aveva un pò di più. Intanto un pò più dietro c'è stato un fuoripista di Matteo Sorgiacomo che è quindi sceso dal 6° all'8° posto, e nel finale il passo di Alex Tarantino è calato tanto da permettere a Gianluca Rosi di raggiungerlo, senza però riuscire a prendersi la quarta posizione, ostacolato forse anche da un assetto più carico che gli faceva pagare ben 5kmh di velocità di punta rispetto al pilota del Fast & Aged. Riuscito invece il sorpasso di Marco Panero su Andrea Cugnata proprio all'inizio dell'ultimo giro con una bella staccata all'interno, mentre qualche minuto prima Damiano Moretti aveva strappato il 9° posto a Mauricio Dos Santos.

La leadership di Emanuele Petri non è mai stata in discussione, e alla fine ha tagliato il traguardo con ben 13" di vantaggio su Samuele Ferrari e Massimo Masetti, separati sul traguardo da meno di mezzo secondo, mentre meno di tre decimi hanno diviso il quarto classificato Alex Tarantino dal vincitore della gara inaugurale Gianluca Rosi. 6° posto per Marco Panero seguito dal pilota privato Andrea Cugnata autore di un'ottima prestazione al debutto, mentre a chiudere la top ten abbiamo Matteo Sorgiacomo, Damiano Moretti e Mauricio Dos Santos.

La prossima gara è in programma lunedì 13 maggio sul circuito ceco di Brno, popolare e conosciuto specialmente dagli appassionati di moto, dato che ospita per lo più gare motociclistiche. L'inaugurazione della pista risale addirittura al 1920, ma non si trattava di un vero e proprio circuito, in quanto si correva su strade normalmente aperte alla circolazione, e la lunghezza originaria del tracciato sfiorava addirittura i 30km. Il "vero" impianto di Brno risale invece al 1987, e oggi è lungo poco meno di 6km e presenta 14 curve, con numerosi saliscendi e un dislivello massimo di oltre 70 metri. Il rettilineo più lungo non supera i 600 metri, ma ci sono tante curve che possono essere interpretate almeno in due modi diversi, e questo potrebbe favorire i sorpassi molto di più di quanto si è visto al Lausitzring. L'appuntamento è per le 21:20 sul nostro canale youtube per la diretta di qualifiche e gara.

Risultati Qualifiche e Gara

Campionato Piloti

Classifica Team

Diretta Streaming


Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
There are no comments posted here yet
© 2019 ESPORTSERIES.NET. All Rights Reserved. © 2019 eRanking System. All Rights Reserved.
HOME
42CAMPIONATI
Database Campionati
160Archivio Campionati
6REGOLAMENTI
5FORUM
7FAQ e GUIDE