Streaming
Downloads
Forum
Contenuto Sito
Newsfeeds
Tags
Pagine
Comunità
Iscrizioni Campionati
Messaggi Privati
Penalità
Risultati Gare
Accedi

Registrati

Abarth 500, Cecalupo trionfa a Magione

Chi si aspettava una prima gara del campionato Abarth 500 combattuta e piena di duelli e sportellate non sarà certo rimasto deluso, e la situazione sembra destinata a migliorare ulteriormente nelle prossime piste, che si prestano ai sorpassi molto più della pista di Magione sulla quale si è corsa questa prima gara, che invece con la sede stradale stretta e sconnessa, le vie di fuga interamente in erba o sabbia e la quasi totale assenza di curve veloci, avrebbe dovuto in teoria esaltare più la precisione di guida e la costanza sul passo gara piuttosto che lo spettacolo. Spettacolo che invece non è mancato affatto, perchè le piccole Abarth essendo così strette sono un vero invito a "fare a botte" in pista e a buttarsi in ogni piccolo varco, con la consapevolezza che tanto anche se ci scappa qualche sportellata non si subiscono danni, perchè soprattutto su questa pista le velocità di percorrenza in curva sono molto basse, e la maggior parte dei contatti di gara avvengono a velocità anche ben inferiori ai 100kmh.

A dominare qualifiche e gara sono stati tre team, Rivetto Racing Team, Drive-in Autosport e Mennato Boffa Simracing, che hanno mostrato di avere un buon margine rispetto a tutti gli altri, piazzando i loro piloti nelle prime 11 posizioni in qualifica e addirittura occupando 12 delle prime13 posizioni in gara, con il solo pilota privato Alessandro Del Pero capace di interromperne l'egemonia con una gestione perfetta del carburante, che gli ha permesso di essere l'unico simdriver a completare la corsa senza fare soste.

Data la potenza relativamente scarsa dell' Abarth 500 Assetto Corse, la tortuosità della pista e soprattutto i tempi ravvicinatissimi delle prequalifiche (bastava essere più lenti di soli 9 decimi rispetto al miglior tempo per essere già fuori dai 26 piloti ammessi alla corsa), ci si aspettavano qualifiche molto serrate, e ad una manciata di secondi dallo scadere della sessione i primi quattro piloti erano racchiusi in soli 49 millesimi, poi però Claudio Cecalupo, che già deteneva la pole provvisoria, ha piazzato un tempo monstre arrivando addirittura a migliorare la sua miglior prestazione ottenuta delle prequalifiche, portando il suo vantaggio su Mauricio Dos Santos a quasi 4 decimi. Seconda fila per Pino Deajo e Maurizio Turri, e fino all' 11° posto abbiamo solo piloti del Rivetto Racing Team, del Drive-in Autosport e del Mennato Boffa Simracing.

Il pilota meglio qualificato fra i non facenti parte di questi tre team era Daniel Jim, che è stato però arretrato in fondo alla griglia per aver infranto la regola che vietava la pressione del tasto "esc" durante le qualifiche. Con questo arretramento il "primo degli altri" è dunque diventato il pilota privato Alessandro Del Pero, che più avanti dopo la corsa ammetterà di aver caricato per sbaglio il setup da gara durante la sessione di qualifiche, il che lo ha costretto a cercare il tempo col pieno di benzina e a ottenere quindi un piazzamento peggiore di quello che avrebbe potuto ottenere imbarcando la giusta quantità di carburante.

Allo start tutto invariato nelle prime posizioni, con il balzo in avanti più significativo che è stato quello di Pasquale Lupoli, passato dall'8° al 6° posto, mentre a metà del primo giro è stata chiamata in pista la Safety Car per un incidete per la verità tutt'altro che apocalittico nella seconda parte del gruppone. I tre giri di Safety Car hanno dato modo ai piloti di risparmiare un pò di carburante, e come vedremo più avanti ciò ha dato modo ad alcuni di loro di provare a completare tutti i 45 minuti di corsa senza effettuare soste ai box. Al restart c'è subito stata una bella lotta in famiglia fra Lupoli e Franca, con quest'ultimo che dopo qualche giro è riuscito a prendersi la sesta posizone,  e qualche minuto più avanti la gara di Pasquale Lupoli è stata compromessa da un incidente con l'altro suo compagno di squadra Luca Rosmarino dopo che era appena stato sopravanzato da Giulio De Andreis.

Per quanto riguarda le prime posizioni, Cecalupo ha progressivamente guadagnato 3" di margine su Dos Santos, che a partire dal 20° minuto di gara ha iniziato a calare leggermente di passo, esponendosi all'attacco di Deajo che è poi riuscito a soffiargli la seconda posizione a 18 minuti dalla fine con quella che è stata probabilmente la manovra di sorpasso più bella di tutta la corsa.

Proprio in quei minuti sono iniziate le soste ai box per i piloti che erano chiaramente su una strategia ad una fermata, e i piloti del Drive-in Autosport sono stati i primi fra i piloti di testa a fermarsi, commettendo però l'errore di sostituire anche le gomme oltre ad effettuare il rifornimento; per questo motivo la sosta dei piloti del Drive-in Autosport è durata oltre 40", quasi il doppio rispetto ai piloti che sono poi entrati ai box ad una manciata di minuti dalla fine per effettuare un rapidissimo splash & go.

Prima delle soste, Claudio Cecalupo aveva poco più di 3" di margine su Mauricio Dos Santos, ma a soste effettuate il gap è salito a oltre 28", e ovviamente in questi 28" si sono inseriti parecchi altri piloti, che hanno relegato gli alfieri del Drive-in Autosport ben al di fuori persino dalle prime 5 posizioni. Il leader della gara Claudio Cecalupo dopo la sua sosta a soli 5 minuti dalla bandiera a scacchi è rientrato in pista in seconda posizione dietro a Luca Franca, e col passare dei minuti si iniziava a sospettare che il pilota del Mennato Boffa Simracing avesse in programma di non effettuare soste, ma a 4 minuti dalla fine è rientrato ai box per mettere un solo litro di carburante, effettuando la sosta più corta fra tutti i piloti in gara.

Questa sosta così corta gli ha permesso di rientrare in pista addirittura in terza posizione, dietro al leader Cecalupo e ad Alessandro Del Pero che non si era ancora fermato e che a giudicare dal suo stile di guida stava chiaramente cercando di risparmiare più benzina possible per finire la gara senza fermarsi. Il margine di quasi 5" che aveva su Franca lo ha aiutato a concentrarsi sul fuel saving senza guardare gli specchietti retrovisori con troppa ansia, e alla fine contro ogni pronostico è riuscito nell'impresa tagliando il traguardo in seconda posizione e finendo la benzina letteralmente due secondi dopo essere passato sotto la bandiera a scacchi.

La gara è quindi stata vinta meritatamente da Claudio Cecalupo, apparso più efficace rispetto a tutti i suoi avversari già dalle qualifiche e poi in gara autore di una prestazione ben più dominante di quello che suggeriva il vantaggio relativamente ridotto che era riuscito a costruirsi prima dell'inizio del valzer dei pitstop; complice anche il finale in modalità fuel saving estremo di Alessandro Del Pero, il suo vantaggio sotto la bandiera a scacchi è arrivato a superare gli 8", con Del Pero che ha vinto la sua scommessa riuscendo a completare la gara senza fermarsi ai box, e rimediando così all'errore commesso in qualifica quando ha erroneamente caricato l'assetto da gara con serbatoio pieno, che certamente gli è costato qualche posizione sullo schieramento.

Ottimo anche il 3° posto di Luca Franca, andato anche lui vicinissimo all' impresa di completare la gara senza fermarsi, dato che ai box ha avuto bisogno solamente di un litro d carburante in più per arrivare al traguardo. Quarto posto finale per un ottimo Giulio De Andreis, con Luca Rosmarino che completa la top five seguito in sesta posizione da un deluso Mauricio Dos Santos che ha pagato insieme a tutti i suoi compagni di squadra la scelta di cambiare le gomme durante la sosta ai box, scelta che ha allungato la loro sosta di oltre 20" in più rispetto a quella dei piloti con cui si stavano giocando le posizioni a podio. Alle spalle di Dos Santos abbiamo Liberato Molle, il cui 7° posto è di gran lunga il miglior risultato della sua stagione su Esportseries, poi a completare la top ten abbiamo Maurizio Turri, Michele Calori e Roberto Selle. Grandissimo rammarico per Pino Deajo, che per un errore di calcolo ha dovuto effettuare un secondo pit stop proprio all'inizio dell'ultimo giro, perdendo così una sesta posizione praticamente certa e sprofondando al 12° posto finale.

A causa delle vacanze pasquali, la prossima gara non si disputerà fra due settimane ma fra quasi un mese, precisamente lunedì 6 maggio. La pista che ospiterà la seconda gara del campionato è quella inglese di Donington, pista probabilmente conosciuta da molti appassionati per la leggendaria impresa di Ayrton Senna quando nel 1993 sotto il diluvio vinse con la McLaren dando un giro di distacco a tutti e umiliando le ben più performanti Williams.

Oltre alla Formula 1 la pista di Donington ha ospitato anche numerose gare del Motomondiale, della Superbike e del WTCC oltre che numerosi campionati nazionali quali il BTCC e la F3 inglese. Si tratta di una pista decisamente vecchia maniera, col primo settore caratterizzato da bellissimi saliscendi con curve veloci e ad ampio raggio, per poi arrivare a due curve destrorse più lente che immettono al rettilineo opposto alla fine del quale c'è una lenta e stretta chicane che reimmette al rettilineo principale: questa chicane sarà probabilmente teatro di parecchi tentativi di sorpasso e forse anche di qualche incidente, perchè è un punto veramente invitante per il sorpasso. La gara sarà come di consueto trasmessa in diretta sul nostro canale youtube.

Risultati Qualifiche e Gara

Campionato Piloti

Classifica Team

Streaming YouTube

 

 

 


Commenti (0)

Rated 0 out of 5 based on 0 votes
There are no comments posted here yet
© 2019 ESPORTSERIES.NET. All Rights Reserved. © 2019 eRanking System. All Rights Reserved.
HOME
55CAMPIONATI
Database Campionati
102Archivio Campionati
6REGOLAMENTI
5FORUM
7FAQ e GUIDE